2 levrieri

Statuto

Direttivo

Biblioteca

Accadde oggi

Dove siamo

Links

Contatti

Cerca nel sito

decorazione

Logo dell'Associazione Il Longobardo Sant'Angelo in Grotte

Visitatori online: 34

fiore medievale

 

blasone santanbgelo

Santangelo

Il computo del tempo

5. Il calendario giuliano

Il termine calendario deriva dal latino calendarium, che significa "libro dei conti", perché gli interessi dei prestiti si pagavano alle calende, cioè il primo giorno di ogni mese.

Tutto ciò che sappiamo del più antico calendario di Roma e di alcune città latine si fonda sul sistema greco, che seguiva nello stesso tempo le fasi lunari e le stagioni solari; calcolava l'evoluzione lunare entro 29 giorni e mezzo, quella solare entro dodici mesi e mezzo lunari ossia 368 giorni e tre quarti; il continuo alternarsi dei mesi pieni (di trenta giorni) e di quelli di ventinove, come pure anni di dodici e tredici mesi.

 

Giulio Cesare decise di porre fine al disordine che regnava a Roma nel computo dei giorni. Si erano infatti verificati degli abusi da parte dei funzionari incaricati di regolare lo scorrere del tempo e, nel primo secolo a.C., si arrivò a celebrare le feste con una stagione di anticipo.

Egli fece riformare il calendario seguendo i consigli dell'astronomo greco Sosigene e ne stabilì le regole basate sul Sole.

giulio cesare

Il calendario giuliano fissò la durata degli anni comuni in 365 giorni e decise che ogni quattro anni ve ne sarebbe stato uno di 366.

L'anno avrebbe avuto inizio il 1° gennaio e la durata dei mesi sarebbe stata di 31, 30 e 29 giorni.

L'anno giuliano ha un valore medio di 365,25 giorni cioè 365 giorni e un quarto. È superiore all'anno astronomico di 11 minuti e 14 secondi.

In cento anni, diventa superiore di circa tre quarti di giorno; in mille anni, di circa otto giorni.

 

Il concilio di Nicea, che si tenne nel 325, fissò le regole per stabilire la data di Pasqua. In quell'anno l'equinozio di primavera ebbe luogo il 21 marzo.

Sosigene e Cesare l'avevano fissato il 25 marzo: erano ormai passati più di tre secoli e lo scarto cominciava ad essere evidente. Inoltre, nei secoli seguenti, il calendario giuliano continuò a basarsi sulle stagioni: quest'aspetto pagano certo non piaceva alla chiesa. Per tali motivi si cominciò a pensare a una nuova riforma.