2 levrieri

Statuto

Direttivo

Biblioteca

Accadde oggi

Dove siamo

Links

Contatti

Cerca nel sito

decorazione

Logo dell'Associazione Il Longobardo Sant'Angelo in Grotte

Visitatori online: 49

fiore medievale

 

blasone santanbgelo

Santangelo

La nobile famiglia Mormile

stemma Mormile Arma: d'oro alla banda d'argento bordata di nero caricata da tre aquile nere al volo abbassato coronate e poste l'una dopo l'altra lungo la banda.


La famiglia Mormile è una delle più antiche e nobili di Napoli, aggregata al Patriziato napoletano del seggio di Portanova e, dopo l'abolizione dei sedili (1806), iscritta nel Libro d'Oro napoletano.

TITOLI E FEUDI

Vari sono stati i titoli concessi a questa famiglia, fra questi:

baroni di: Vairano (1590), di Tora (1645), di Carinari (1645), Bugnara (1759), Sant’Angelo Radiginoso (1740), Sant’Angelo in Grotta (1740), Albidona (1781)

conti di: Sant’Angelo Limosano (1616)

marchesi di: Lauria (1564), Macchiagodena (1740), Ripa Limosano (1781) .
duchi di: San Cesario (1613), Campochiaro (1621), Vairano (1628), Carinari (1663), Castelpagano (1740), Marzanello (1759).

I Mormile hanno inoltre posseduto vari feudi. Quelli di Acquaborrana, Bagnoli, Cagnano, Campagna, Campochiaro, Carpino, Castellabate, Castelluccio, Colle d’Anchise, Contursi, Eboli, Frignano Piccolo, Marigliano, Petrella Tifernina, Postiglione, Rocca Sassone, Tora (acquistata dalla famiglia Galluccio nel 1666), Vairano, Vastogirardi (venduto nel 1540 dalla famiglia D'Afflitto a Giovan Leonardo Petra).
I titoli di duca di Castelpagano e marchese di Ripa Limosano passarono per successione in Casa Capecelatro.

fonti: nobili napoletani

approfondimenti: i Mormile