2 levrieri

Statuto

Direttivo

Biblioteca

Accadde oggi

Dove siamo

Links

Contatti

Cerca nel sito

decorazione

Logo dell'Associazione Il Longobardo Sant'Angelo in Grotte

Visitatori online: 95

fiore medievale

 

blasone santanbgelo

Santangelo

Il Ludus Magnus

"Si è saputa una cosa mai successa nell'esercito sotto i generali precedenti. Il console Publio Rutilio per meglio addestrare i soldati a maneggiare le armi è andato a chiamare gli istruttori della scuola di gladiatori di Caio Aurelio Scauro. In questo modo le nostre legioni hanno appreso una tecnica più razionale di difesa e di offesa. Mi sembra giusto. Il coraggio non basta: deve essere completato da una tecnica più accurata. Quelli che combattono nell'arena, proprio per il mestiere che fanno, conoscono molto bene la lotta corpo a corpo" (Valerio Massimo, V. Maximi Factorium Et Dictorum Memorabilium, II, 3, 2)

Il Ludus Magnus, la maggiore scuola di Roma per l'addestramento dei gladiatori imperiali, è un edificio a più piani. Si conservano ancora i resti di 14 celle di alloggiamento al piano terra, nelle quali non si trova traccia di letti: gli occupanti dormono probabilmente a terra su giacigli. Ogni cella di circa 20 metri quadrati ospita uno o due gladiatori, che sono in tutto circa un migliaio. Nel piccolo anfiteatro della scuola, di cui resta parte della curvatura, i gladiatori si esercitano sotto il vigile sguardo dei carcerieri, degli istruttori e di circa

ludus magnus

 1.200 spettatori, invitati ad assistere all'addestramento.

Un corridoio conduce nei sotterranei del Colosseo. Il sottopassaggio, ancora incompiuto sotto Domiziano, è inaugurato da Traiano e rifinito da Adriano.

Tra le più antiche scuole di gladiatori c'è quella di Capua, luogo da cui partì la sanguinosa rivolta di Spartaco. I gladiatori della scuola imperiale di Capua sono detti inizialmente Juliani (in seguito Neroniani) perché addestrati nella prestigiosa familia gladiatoria istituita nel 49 a.C. da Giulio Cesare. Nel ludus i gladiatori ricevono una dieta particolare, mirata ad irrobustire la loro muscolatura. Plinio dice che ai gladiatori si dà il nome di hordearii (gonfi d'orzo). Il loro trattamento all'interno della scuola è diverso, secondo che si tratti di prigionieri o di condannati sottoposti ad una particolare più stretta vigilanza oppure di gladiatori volontari (auctorati), nelle cui celle della scuola di Pompei si sono trovate armi e persino tracce della presenza di donne di alto rango. A Roma ci sono quattro scuole di gladiatori. In una di queste, il Ludus Matutinus, della quale non restano tracce, i cacciatori (venatores) si addestrano a combattere contro le bestie. Le altre tre scuole, Ludus Magnus, Gallicus e Dacicus, che risalgono a Domiziano, sono situate accanto al Colosseo. Adiacenti alle scuole ci sono altri edifici: lo spoliarium dove vengono portati i cadaveri delle vittime; il saniarium, dove si curano i feriti e si riparano le armi; l'armamentarium, in cui si custodiscono le armi. L'addestramento viene impartito da un istruttore (doctor o magister). Ci si allena a tirare contro un palo con un fioretto di legno (rudis). Il gladiatore principiante viene detto novicius, quello esordiente tiro (donde il moderno termine "tirocinio"). Se questi esce indenne dal primo combattimento diviene veteranus. Un bravo gladiatore può ricevere il titolo di primus palus e raggiungere così l'apice della sua carriera, alla fine della quale è congedato con la consegna di un simbolico bastone (rudis) ed entra nella categoria dei rudiarii, chiamati ad addestrare nelle scuole (doctores) o anche a divenire arbitri.


fonte: Spettacoli del Colosseo: nelle cronache degli antici, di Domenico Augenti

<< Indietro