2 levrieri

Statuto

Direttivo

Biblioteca

Accadde oggi

Dove siamo

Links

Contatti

Cerca nel sito

decorazione

Logo dell'Associazione Il Longobardo Sant'Angelo in Grotte

Visitatori online: 29

fiore medievale

 

blasone santanbgelo

Santangelo

Gateshead, la "Capracotta" d'Inghilterra

di Francesco Di Rienzo

L'adorazione di una testa di capra (caprae caput), una danza vorticosa, l'intonazione di un canto sacro ed un banchetto rituale nel quale venivano divorate le carni dell'animale sacrificato. Siamo ancora agli inizi del Medioevo ma, a differenza del numero scorso di Voria, non più sulle alture della Terra Vecchia a Capracotta davanti ad un gruppo di bellicosi Longobardi, bensì di fronte a un drappello di non meno docili Angli sulla sponda meridionale del fiume Tyne, nell'Inghilterra nord-orientale, nell'attuale città di Gateshead. Insomma, cambiano i luoghi ed i protagonisti ma non la sostanza del discorso, cioè la fondazione di un centro abitato da parte di un popolo di origine germanica attraverso il sacrificio di una capra in onore del dio Thor, che conferma in pieno la nostra ipotesi sulla fondazione longobarda di Capracotta.

Gateshead

L'antico nome di Gateshead, infatti, è "Caprae Caput", che ne ricorda espressamente le origini rituali del paganesimo germanico. Questa informazione è riferita da San Beda il Venerabile (672 - 735), una delle figure più importanti e autorevoli della cultura e della Chiesa dei suoi tempi. Nella sua Historia ecclesiastica gentis Anglorum, una storia della chiesa e del popolo inglese dallo sbarco di Cesare in Inghilterra fino alla data di compilazione dell'opera (731), il monaco agostiniano scrive che, nel 653 d.C., un certo Uttan era l'illustre abate del monastero "Ad caprae caput", cioè situato nelle vicinanze di "Caprae caput". L'attuale denominazione del capoluogo dell'omonimo distretto metropolitano della Contea del Tyne and Wear, in altre parole, deriva dalla traduzione nella lingua anglosassone dell'originale latino: Gateshead da "Goat's head", testa di capra, per l'appunto. Gateshead, in quegli anni, appartiene al regno anglo di Northumbria, fondato nel 604 d.C. dalla fusione di due reami angli, Bernicia e Deira, i cui territori sono stati sottratti con la forza delle armi ai nativi britanni, cioè i celti romanizzati. Gli Angli, come i Longobardi, sono una delle numerose tribù germaniche che, in epoca storica, abitano quella mezzaluna dell'Europa settentrionale che spazia dalle terre alte della Francia fino alle coste meridionali della Scandinavia. Sbarcano in massa nell'ex provincia di Britannia nel 449 d.C. dopo la partenza delle legioni di Roma. Provengono dalla penisola di Anglia nell'odierno Schleswig-Holstein in Germania. Sono culturalmente molto affini ai Longobardi per i lunghi rapporti di vicinato. Gli uomini dalle lunghe barbe, infatti, sono originari della Svezia meridionale e, dal I al IV secolo, risultano stanziati nella Germania settentrionale alle foci del fiume Elba nei pressi dell'attuale città di Amburgo. Angli e Longobardi parlano una lingua germanica, hanno una organizzazione sociale di impronta germanica e praticano riti religiosi pagani di natura germanica. Questa affinità culturale tra Angli e Longobardi è di grande importanza per la nostra ricostruzione perché ci consente di interpretare, sotto una prospettiva completamente nuova, alcuni aspetti comuni delle vicende del passato di Gateshead e Capracotta che altrimenti apparirebbero come semplici coincidenze.

continua a pagina 2